Quattro secoli di arte organaria a Gorgonzola

Le prime notizie certe sulla presenza di un organo nella vecchia Prepositurale risalgono alla visita pastorale del 1605, quando si cita un organo su cantoria sotto il massiccio arco nella parte meridionale della Chiesa. Probabilmente tale strumento è stato posato - da organaro ignoto - nel 1602 o tre in quanto nei documenti del 1602 non lo si cita e, in quello stesso anno, cominciano i lavori di ammodernamento del Tempio. Si sa che nel 1688 l'organista è il caonico don Francesco Antonio Pyssina, che celebra quotidianamente una messa.

Arrivati al secolo successivo riscontriamo continuamente pagamenti all'organista e all'alzamantici. Dal 1763 al 1769 l'organista titolare è Gio. Domenico Gironi di Gorgonzola (1725 - 1769; nel 1766 Rocco Longone Binago di Gorgonzola agiusta l'organo e nel 1769 Antonio Fontana di Milano ricostruisce l'organo della Prepositurale finanziato dal duca Serbelloni.

Nel 1806 si inizia la costruzione dell'attuale Prepositurale che termina nel 1820, nel 1822 la Scuola del Santissimo di assume l'onere (oltre a 1000£ dalla Fabbriceria) per gestire la costruzione del nuovo organo. Molto probabilmente lo strumento è opera di Antonio Brunelli di Milano, ma attualmente nessun dato lo può confermare con certezza, se non l'assidua presenza di questo a Gorgonzola dal 1830 al 1842. Negli anni successivi lo strumento verrà modificato ed ampliato dai Carcano, dal Valli e da Giovanni Brunelli.

Organisti titolari sono stati Giovanni Bianchi (1758 - 1829), illustre musicologo e virtuoso di Serpentone, dal 1820? al 1829, poi Giuseppe Bianchi fino dal 1830 al 1848poi Ignazio De Ponti.

Nel 1908 il prevosto Bonacossa incarica Giovanni Bressani di Milano di smontare l'organo antico e di costruirne uno nuovo, grandioso, a trasmissione meccanica. Lo strumento verrà inaugurato nel 1910; Bressani posizionò anche un organo ad interim, che è il piccolo strumento meccanico posto sulla cantoria in cornu evangelii.

Organista titolare per ben 74 anni fu Ernesto Cavenaghi (1878 - 1963), dal 1889 al 1963, assunto dalla Prepositurale all'età di 11 anni, diplomato al conservatorio di Milano, oltre che ad essere organista titolare fu insegnante di musica alle scuole pubbliche di Gorgonzola e direttore del Civico Corpo musicale. Tra il 1951 e il 1957 fu affiancato dal grande organista e compositore bergamasco Daniele Maffeis (1901 - 1966). Dopo la morte del M° Cavenaghi si perse la figura dell'organista titolare stipendiato. L'organo maggiore cadde in disuso nei primi anni '80 del secolo scorso. 

Appena viene smontato l'organo antico, Bressani predispone un piccolo strumento temporaneo (vedi foto) per non sasciare priva di organo la Chiesa nei tre anni che impiegherà per edificare il nuovo organo maggiore. Questo strumento porta la scritta "Giovanni Bressani fabbricatore d'organi - Milano" stampata sulla tuba del do grave dell'Oboe 8'. Questo strumento è composto con parti di recupero provenienti da altri strumenti.

Prospetto composto da 25 canne disposte a cuspide con ali laterali e bocche non allineate. Ha una tastiera da 56 tasti e una pedaliera piana parallela di 27 pedali. E' a trasmissione meccanica e privo di elettroventilatore, la composizione fonica è la seguente:

 

Principale 8'

Fassaa

Ottava

Decimaquinta

Pieno

Flauto 4'

Viola

Unda Maris

Voce Corale

Oboe 8'

Tremolo

Subbasso 16'

Basso 8'

 

Lo strumento non è funzionante


Nel settembre del 1911, con un concerto dell'organista titolare del Duomo di Milano e dell'organista della Chiesa Prepositurale di inaugura il "grandioso organo pneumatico tubolare". Il prospetto è composto da 43 canne disposte a cuspide con ali laterali e bocche non allineate. La trasmissione è pneumatica, ha due tastiere da 61 tansti (la pedaliera è stata asportata). Presenta questa composizione fonica:

 

PEDALE            ESPRESSIVO

Contrabasso 16'   Decima        Oboe 8'

Subbasso 16'      Bordone 8'    Principale I 8'

Basso 8'          Violone 8'    Principale II 8'

Violoncello 8'    Coro Violini  Principale I 4'

Violone 16'       Eolina 4'

Panfonio 4'       Flauto 4'

                  Sachoff 8'

                    

GRAND'ORGANO

Principale 16'         Principale 8'

Diapason 8'            Ottava 4'

Bordone 8'             Tromba 8'

Cromorne 8'            Violadagamba

Salicionale 8'         Dulciana 4'

Bordone 8'             Flauto 4'

Unda Maris             Piccolo 2'

Cornetta da 4 file     Decima V

 

 

I registri sono azionati da placchette a bilico poste sopra le tastiera. Ci sono due staffe, per crescendo ed espressione, alcuni pistoni e la combinazione libera. Lo strumento attualmente è completamente insuonabile.

 

APPROFONDIMENTI

 

1) L'organo della antica chiesa prepositurale (1605 - 1806)

2) I Serassi nel territorio della Martesana, tre contatti per costruire organi a Gorgonzola, Cernusco e Vaprio

Download
I Serassi nel territorio della Martesana
Serassi Martesana.pdf
Documento Adobe Acrobat 142.7 KB